BloccoAnimalista

BloccoAnimalista La voce degli Animali
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Pesca illegale: denuncia della LAV

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 2765
Età : 52
Data d'iscrizione : 10.07.07

MessaggioTitolo: Pesca illegale: denuncia della LAV   Gio Nov 27, 2008 7:04 pm

Comunicato stampa LAV

PESCA ILLEGALE, INCHIESTA DI REPORT (RAITRE): DENUNCIA DELLA LAV ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI REGGIO CALABRIA PER AGENTE DI POLIZIA MUNICIPALE CHE PRESE PESCE SPADA FUORILEGGE.

In seguito a quanto documentato dall’inchiesta dal titolo “Mare nostrum” in tema di pesca illegale, trasmessa il 16 novembre scorso dalla trasmissione “Report” (Raitre) - a firma di Sabrina Giannini - con immagini registrate nella zona del porto di Bagnara Calabra (Reggio Calabria), la LAV ha presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria ipotizzando reati che vanno dalla corruzione al peculato d’uso, nei confronti di una persona, apparentemente vestita con la divisa della Polizia Municipale, ripresa dalla telecamera mentre un pesce spada illegalmente pescato veniva portato da un pescatore nel bagagliaio dell’auto di servizio dell’agente. La scena è stata ripresa dopo che un’auto con i contrassegni della Polizia Municipale aveva scortato fino in porto il Tir che presto si sarebbe riempito di pesci spada.

Nel filmato si sente fuori campo la voce della giornalista Sabrina Giannini che commenta le immagini: “Un’auto della polizia municipale scorta fino in porto il tir che presto si riempirà di pesci spada. Uno finisce anche nel bagagliaio del vigile. Ormai è chiaro che ad agosto l’unico rischio che possono correre è che qualcuno li sorprenda a pescare quando sono lontani dal loro porto franco”. L’intera sequenza è visibile dal minuto 09:37 al 10:00 del filmato presente su http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,RaiTre-Report%5E17%5E151927,00.html

“Si tratta di un fatto gravissimo che deve essere chiarito al più presto. Se le indagini dovessero dimostrare la responsabilità del presunto agente di Polizia municipale ci troveremmo di fronte a un’ennesima vergogna da perseguire senza attenuanti. In ogni caso non sarebbe inopportuna, in attesa degli accertamenti, una sospensione dal servizio dell’agente coinvolto”, ha dichiarato Ciro Troiano, responsabile dell’Osservatorio Zoomafia della LAV e firmatario della denuncia.

Si legge nella denuncia inviata dalla LAV alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria: “Tali fatti potrebbero integrare il delitto di peculato d’uso in riferimento all’utilizzo dell’auto della Polizia municipale per motivi non collegati a ragioni di servizio. Parimenti potrebbe incorrere in censura penale anche la condotta del vigile, pubblico ufficiale con funzioni di agente di polizia giudiziaria, laddove la sua presenza sul posto e, soprattutto, l’appropriarsi di un pesce spada, frutto di attività di pesca illegale, non fosse motivata da ragioni di servizio, regolarmente documentate e verbalizzate. Come pure sarebbe censurabile penalmente l’omissione di denuncia di reato o l’omissione di atti d’ufficio, laddove non fosse stata segnalata alle autorità competenti la pesca e la vendita abusiva di pesce spada, di cui il pubblico ufficiale (vigile) è venuto indubbiamente a conoscenza, visto che ha provveduto a caricare nell’auto di servizio un esemplare di pesce spada”.

24.11.2008
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.bloccoanimalista.org
 
Pesca illegale: denuncia della LAV
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Consigli della Nonna
» costo della vita a stoccolma
» Innamorato della mia terra.
» Misuratori d'umidità della legna
» la bellezza della primavera ...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BloccoAnimalista :: NOTIZIE DI CRONACA ANIMALISTA-
Andare verso: