BloccoAnimalista

BloccoAnimalista La voce degli Animali
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Giapponesi di merda...lasciate in pace le balene

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 2765
Età : 52
Data d'iscrizione : 10.07.07

MessaggioTitolo: Giapponesi di merda...lasciate in pace le balene   Gio Nov 22, 2007 1:15 am

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
20 NOVEMBRE 2007
Stop al massacro di balene. Il mondo contro il Giappone

La mossa dei giapponesi di uscire con le baleniere a caccia di oltre 1000 esemplari ha suscitato le ire della Nuova Zelanda e dell’Australia, che hanno presentato formale protesta attraverso i propri ambasciatori SYDNEY – Peggiora invece di migliorare, la sorte delle balene del Pacifico. Domenica una flotta baleniera giapponese è salpata per quella che potrebbe diventare la caccia più vasta degli ultimi 20 anni, con un obiettivo di oltre mille grandi cetacei, tra i quali per la prima volta figurano anche le megattere, a rischio di estinzione secondo gli ambientalisti, e particolarmente amate dai whales watchers per i loro caratteristici salti acrobatici fuori dall’acqua.
La mossa dei giapponesi ha suscitato le ire della Nuova Zelanda e dell’Australia, che hanno presentato formale protesta attraverso i propri ambasciatori a Tokyo. «L'Australia è contro ogni forma di caccia delle balene, chiediamo formalmente al Giappone di riconsiderare le proprie decisioni», ha detto il ministro degli Esteri australiano Alexander Downer.
Altri in Australia sono stati meno diplomatici. Da Canberra il ministro ombra per gli Affari esteri, Robert McClelland, ha invocato l’uso della marina militare come deterrente contro le baleniere giapponesi, che spesso pescano anche dentro i confini delle aree protette, soprattutto nei mari antartici.
La premier neozelandese Helen Clark ha usato parole durissime: «I pescherecci giapponesi avrebbero fatto meglio a restarsene a casa loro, invece di venire qui nascondendosi sotto l'imbroglio di una missione scientifica, quando vogliono semplicemente uccidere mille balene». Il Giappone aveva ufficialmente abbandonato la caccia commerciale alle balene nel 1986, ubbidendo alla moratoria internazionale, per passare dall’anno successivo a quello che continua a chiamare caccia per scopi di ricerca scientifica.
Il portavoce di Greenpeace, Steve Shallhorn, ha sottolineato oggi che i biologi marini d’Australia e altri paesi del Pacifico hanno più volte sostenuto che le informazioni scientifiche sulle balene si possono ottenere senza uccidere gli animali. Greenpeace ha promesso di tallonare le sei navi peschereccio con la loro nave ammiraglia Esperanza, già posizionata al largo delle coste giapponesi. Per quattro mesi – tanto durerà la stagione – l'organizzazione ambientalista cercherà di ostacolare i giapponesi, chiedendo la sospensione della caccia e impegnandosi in azioni di lotta non violenta, come ha già fatto in passato.
«Questa non è scienza, è un business mascherato da scienza. Le balene sono animali protetti e noi vogliamo che la legge sia rispettata», ha detto oggi dalla Esperanza il capo della spedizione Karli Thomas, all’agenzia di stampa australiana Aap. La piccola flotta che ha lasciato il porto di Shimonoseki setaccerà per quattro mesi le acque dei mari del sud del Pacifico fino all’Antartide, e si teme che sconfinerà nella zona che l’Australia ha dichiarato parco marino dedicato proprio ai cetacei. L’obiettivo è la pesca di 935 balenottere dal rostro, 50 balenottere azzurre e 50 megattere, queste ultime fino ad ora mai cacciate.
Il passaggio delle megattere lungo le coste dell’Australia è uno degli appuntamenti più attesi da turisti e animalisti, per i salti spettacolari fuori dall’acqua, e per la docilità dei grandi cetacei, che si lasciano avvicinare dalle barche e, in alcuni casi, persino dai surfisti. Quattro anni fa una di queste balene era entrata nella baia di Sydney, nuotando tra i traghetti e le barche fino all’Opera House. Ora la nuova stagione delle baleniere giapponesi mette a rischio di sopravvivenza, oltre alle balene stesse, anche l’industria australiana del whale-watching, che ha un giro d’affari di 180 milioni di euro l’anno.
Sono migliaia le persone che ogni anno arrivano sulle coste orientali del continente per osservare il passaggio delle megattere che dall’Antartide risalgono le coste per partorire nelle acque più calde della barriera corallina, ridiscendendo poi alla fine dell’estate accompagnate dai piccoli.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.bloccoanimalista.org
 
Giapponesi di merda...lasciate in pace le balene
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Quanto tempo lasciate da solo il vostro jack?
» BED & BREAKFAST TOSCANA AREZZO - La Pace
» Stoffe giapponesi
» Riposa in pace, amico mio.
» Akama! Pantaloni Giapponesi

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BloccoAnimalista :: NOTIZIE DI CRONACA ANIMALISTA-
Andare verso: