BloccoAnimalista

BloccoAnimalista La voce degli Animali
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Bracconieri in azione:::maledetti bastardi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 2765
Età : 52
Data d'iscrizione : 10.07.07

MessaggioTitolo: Bracconieri in azione:::maledetti bastardi   Dom Dic 09, 2007 8:43 pm

RED ACON
8 DICEMBRE 2007

Cerva uccisa a pochi metri dalla strada Cinquecerri-Collagna
L’animale, fulminato con un colpo di arma da fuoco alla testa, è stato ritrovato giorni fa. Bracconieri in azione notturna sul nostro Appennino. Rivoli: “Dopo tante segnalazioni fatte agli organi competenti siamo ancora qui a far finta di non sapere"

provincia di Reggio Emilia - Cerva fulminata a due passi dal nastro d’asfalto che congiunge Cinquecerri a Collagna. E’ quanto rivela Marino Rivoli, consigliere comunale a Collagna e consigliere della Comunità montana, nonchè selecacciatore.E’ accaduto giorni fa nel territorio del Comune di Ligonchio. Nelle immediate vicinanze della strada comunale che collega la frazione di Cinquecerri a Collagna, poco sopra l’abitato di Cinquecerri, è stata rinvenuta una cerva adulta morta, uccisa con un colpo di arma da fuoco alla testa, a pochissimi metri dalla carreggiata.
“Alla cerva probabilmente ha sparato uno degli ormai apparentemente tanti bracconieri durante le notti nei giorni precedenti al ritrovamento. La Polizia Provinciale ha provveduto, con l’utilizzo di un piccolo scavatore a interrare correttamente le spoglie della cerva con tutti i permessi del caso”, dice Rivoli. Che prosegue: “Dall’apparente colpo micidiale inflitto alla cerva sembra proprio che la stessa sia caduta sul posto e non sia stata recuperata dai bracconieri, che l’hanno abbandonata probabilmente per l’impossibilità di recuperarla e per la consapevolezza di averla combinata grossa”.
BRACCONAGGIO
Ma la cosa che non va giù al consigliere di opposizione collagnese “è il fatto che dopo numerosissime segnalazioni agli organi competenti, anche circostanziate e avallate da elementi concreti, siamo ancora qui oggi a cercare di non fare sapere che ci sono parecchi bracconieri nei comuni del crinale che si divertono a girovagare di notte con auto e fuoristrada, nelle strade e in diversi campi dove gli animali vanno a pasturare, proprio quando gli stessi, per ragioni diverse, non certo scusabili, ammazzano un favoloso esemplare di ungulato, in questo caso di cerva, destabilizzando in maniera evidente i censimenti fatti dai selecacciatori e le specie di ungulati cacciabili e protetti”.
“Il grosso problema, che pare oramai da molti ventilato anche da organi di vigilanza – denuncia sempre Rivoli – è la presunta presenza di armi in possesso di persone anche estranee al mondo venatorio non correttamente detenute e denunciate e la presenza, in tanti ristoranti del posto, di grosse quantità di carne di ungulati, anche di specie non cacciabili, quali ad esempio proprio il cervo, delle quali non sempre si sa la corretta provenienza e le corrette verifiche sanitarie”.
Cosa fare, dunque? Secondo l’amministratore montanaro sarà comunque molto importante riuscire a mettere sotto controllo questa problematica: “Allora si sarà fatto un grosso passo avanti a favore di coloro che fanno attività gestionale e si sarà posto un grosso macigno sopra coloro che fanno di ‘professione’ i bracconieri”.
SMOBILITAZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA?
Chi vigila? L’episodio, si diceva, risale già a giorni fa (ad un paio di settimane fa, per la precisione, dato che le foto portano la data del 25 novembre). Ma solo ieri è stato reso noto con la comunicazione pubblica di Rivoli. A questo proposito il medesimo commenta: “Quello che riesce difficile da capire è la volontà della Provincia di non rendere pubblico il fatto. Sembra esserci una volontà avversa. La Polizia Provinciale, malgrado la ragguardevole professionalità dimostrata, pare ormai arresa a quella che sembra essere la volontà di destituire il servizio; la stessa Polizia pare spesso impiegata per compiti diversi e di terze competenze”.
“Il Corpo Forestale dello Stato a mio avviso ha grosse responsabilità – prosegue – in quanto nelle zone all’interno del Parco è l’unico organo responsabile della vigilanza, ma sembra che le unità previste da tempo non siano ancora disponibili sul territorio o comunque non vengano impiegate in compiti di vigilanza atta a scoraggiare chi compie atti di bracconaggio in spregio a grossi ungulati per trarre profitto dalla vendita delle spoglie degli stessi”.
“I Carabinieri: come si possono accusare! A Ligonchio ormai la caserma sembra arrivata al minimo storico, addirittura alla notte pare sguarnita. A Collagna la situazione è poco diversa e comunque i militari che compiono servizio in questi presidi pare che spesso siano chiamati a lavorare a decine e decine di chilometri dai nostri comuni”.
ANCHE A VETTO?
Ma non è finita. Pare che anche a Vetto, nei giorni scorsi, il servizio veterinario sia dovuto intervenire per abbattere un esemplare di cervo ferito da bracconieri. “Quindi in pochi giorni due episodi raccapriccianti, che devono far pensare. Si deve al più presto trovare una soluzione rispettosa dell’incolumità pubblica, della preziosa fauna che appartiene ai nostri territori e della sua corretta gestione”.
Conclude Rivoli: “Annuncio che a giorni presenterò un ordine del giorno in Comunità montana dove chiederò l’intervento della stessa nei confronti degli organi competenti per la risoluzione di questi scabrosi episodi
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.bloccoanimalista.org
 
Bracconieri in azione:::maledetti bastardi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» diarrea... dia-tab dopo quanto fa effetto?
» Effetto Galastop
» Maledetti "forasacchi"

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BloccoAnimalista :: NOTIZIE DI CRONACA ANIMALISTA-
Andare verso: