BloccoAnimalista

BloccoAnimalista La voce degli Animali
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Non solo cani e non solo abbandono...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 2765
Età : 52
Data d'iscrizione : 10.07.07

MessaggioTitolo: Non solo cani e non solo abbandono...   Ven Feb 29, 2008 12:37 am

IMG PRESS
27 FEBBRAIO 2008

Non solo cani e non solo abbandono...

Elena Barracco

Non solo cani e non solo Meridione. L'abbandono non conosce confini geografici o di specie. Da Nord a Sud non si contano i gatti lasciati soli in mezzo a una strada a morire di stenti o di botte. In Sicilia c'è penuria di canili. In altre regioni le strutture ci sono ma scarseggiano i fondi, gli operatori e una cultura degli animali. La coabitazione è un disastro. Ogni tanto si fanno delle tavole rotonde e si stila l'ennesima lista dei loro diritti, conosciuti e e condivisi da una ristretta cerchia di appassionati. Propositi e belle parole destinati a rimanere sulla carta. Escluso il periodo precedente l'abbandono estivo e i casi eclatanti, di randagismo non si parla. Men che mai di quello felino. Il micio è ancora più dimenticato e bistrattato di Fido in virtù di una sua maggiore indipendenza, autonomia, opportunismo. Si dice che non si affezioni al padrone ma alla casa, che si faccia vivo solo per mangiare, che stia meglio in libertà piuttosto che in un appartamento. Leggende funzionali alla costruzione di un alibi per fregarsene. Simili a quelle che girano intorno alla sterilizzazione. Dato che non esistono preservativi o pillole anticoncezionali per gli animali, l'asportazione delle ovaie o dei testicoli è l'unico rimedio alle gravidanze indesiderate. Ma poichè è contro natura o addirittura contraria ai dettami della religione, povere bestie, tocca anche a loro, qualcuno preferisce far figliare il gatto e poi uccide i piccoli in modo barbaro, come l'annegamento o lo strangolamento, o abbandonarli su un ciglio del marciapiede alla mercè di chi capita. Finiscono così per aggregarsi in colonie tenute insieme da un solo scopo: la sopravvivenza. Quando l'unione fa la forza. O almeno ci provano. A rimediare un boccone (magari non avvelenato) e a schivare i colpi di quelli che tanto per fare ti prendono a botte. Non sono le leggi a mancare. Ma la loro applicazione. E ancora di più la sensibilità, il buon cuore, il rispetto per l'altro. Non ci dovrebbe nemmeno essere bisogno di mettere nero su bianco che gli animali non devono essere maltrattati. Dove non arriva la coscienza difficilmente arriva il legislatore. Meno che mai se non c'è la famosa certezza della pena. I volontari ce la mettono tutta, ma è una lotta contro i numeri. Spesso dolorosa e estenuante. A fine giornata il bilancio raramente è positivo. Nonostante la buona volontà e la dedizione, quello che si riesce a fare è sempre troppo poco per troppo pochi. I gattili di cui molti ignorano anche l'esistenza, fra mici sani e malati sono strapieni. I battitori liberi che in autonomia devolvono i loro avanzi ai randagi rischiano puntualmente la guerra condominiale. Perchè se nessuno gli da mangiare prima o poi se ne andranno. Perchè la loro presenza deturpa l'estetica del palazzo. Il decoro. i gattari e le gattare lo sanno bene quello a cui si va incontro e ciò che si prova. Dalla rabbia per i contratti di locazione (assurdi) che vietano di tenere qualsiasi tipo di animale (nemmeno un pesce rosso) e ti impediscono di accudirne uno che sta male o che vorresti tenere con te all'impotenza per ogni volta che sei intervenuto troppo tardi e non hai potuto più fare niente. Qualcuno sostiene che la considerazione del gatto nelle varie epoche storiche è direttamente proporzionale a quella della donna. Perseguitati nel Medioevo, adorati dagli egizi. E visto che la questione femminile sta tornando di nuovo di moda grazie alle isteriche crociate di Ferrara, potrebbe essere interessante proporre un'ulteriore moratoria. Va tanto di moda negli ultimi tempi. Questa potrebbe essere una e trina. Contro la stupidità, contro le uscite tragico comiche di certi giornalisti da circo e contro il cinismo. Scambiamoci un segno di pace con il quattro zampe vicino. Che ogni famiglia abbia almeno un cagnolino o un micio. Adottiamo un randagio. Vi darà più di quanto possiate immaginare o ricambiare. Non c'è tetto che valga le loro lezioni di dignità e civiltà.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.bloccoanimalista.org
 
Non solo cani e non solo abbandono...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Nei treni solo cani piccoli e in gabbia
» TERRIER cani da tana e non solo.....
» Quanto tempo lasciate da solo il vostro jack?
» vuole solo mangiare quello che c'è a tavola!
» Quanti pasti? ma lo posso lasciare solo?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BloccoAnimalista :: NOTIZIE DI CRONACA ANIMALISTA-
Andare verso: